GENERAZIONI E OPINION LEADER

In questa sezione del sito ci occupiamo del rapporto esistente tra processi di influecing e generazioni: intese come comunità di soggetti che hanno definito i loro percorsi biografici in contesti storico-sociali analoghi e che condividono valori, conoscenze, culture di gusto e habitus.

Il we sense generazionale contribuisce anche a modellare i criteri di definizione della leadership? Generazioni diverse richiedono leader di opinione con caratteristiche differenti? Come i "giovani Z" e i "piccoli Alpha" contruibiranno all'evoluzione dello scenario informativo?

CASI DI STUDIO

Appartengono a mondi diversi, quello online e offline, del social e del fashion, informazione e lifestyle. Tutti hanno costruito una rete di legami - la loro community - di cui essi sono il nodo centrale. 
Le loro parole, le loro immagini e i loro messaggi trovano riscontro e apprezzamento negli utenti di internet under 25 in cerca di ispirazione, di divertimento o semplicemente di qualcosa di interessante

Il "buon" opinion leader

GENERAZIONE Z

Il "buon" opinion leader

Quali tratti caratteriali, quali capacità retoriche e quali competenze deve mettere in campo un opinion leader per fidelizzare la generazione Z? Gli studenti di CIMO (Facoltà di Comunicazione per l'Impresa, i Media e le Organizzazioni Complesse) hanno redatto un manuale per i buon opinion leader del futuro.

TIK TOK

Daniela Fujani e Tecla Maffioli di Tips Ricerche, spiegano le ragioni alla base del  crescente successo di TIK TOK: game, esibizione, emulazione, ma anche condivisione delle proprie emozioni e del proprio punto di vista. TIK TOK, con i suoi 7 milioni di utenti, rappresenta la fucina e il palcoscenico dei nuovi opinion leader.

Leader contributivi

PROSPETTIVE FUTURE

Leader contributivi

Patrizia Cappelletti, ricercatore per ARC, nell'ambito del progetto sulla generatività sociale approfondisce il concetto di leader contributivo: giovani pronti a mettersi in gioco e a generare nuovo valore, attraverso processi partecipativi e collaborativi.

Per approfondimenti si rimanda al sito generatività.it

 

Il we sense generazionale

PIERMARCO AROLDI

Il we sense generazionale

Piermarco Aroldi, Professore ordinario in Sociologia dei processi culturali e comunicativi e Direttore del centro di ricerca Osscom, spiega come l'approccio generazionale possa rappresentare un valido strumento per inquadrare i modelli di influencing: a partire da una comune semantica e da un comune bagaglio esperienziale ogni generazione tende infatti a interpretare in maniera differente i processi di formazione delle opinioni e di circolazione delle news.

Vuoi rimanere sempre aggiornato sui nostri corsi e le iniziative per te? Lasciaci i tuoi contatti